Prepararsi alla Brexit

Il 31 gennaio 2020, il Regno Unito ha ufficialmente lasciato l'Unione Europea. Il periodo di transizione durerà fino al 31 dicembre 2020, periodo durante il quale il Regno Unito e l'UE negozieranno i termini delle loro future relazioni commerciali.

È importante notare che, durante tale periodo, si può continuare a spedire come si è sempre fatto. Benché non sia ancora chiaro in che modo cambieranno le spedizioni da e per il Regno Unito dopo il 31 dicembre 2020, è bene tenere a mente alcuni aspetti fondamentali, così come una serie di interventi da intraprendere una volta raggiunto l'accordo.

Come richiedere il codice EORI

Il codice EORI è un numero di identificazione univoco utilizzato dalle autorità doganali per tracciare le spedizioni in ingresso e in uscita dall'Unione Europea e provenienti dai Paesi extra-UE. Dopo la Brexit, la Gran Bretagna è un Paese extra-UE e pertanto le spedizioni da e per il Regno Unito dovranno essere accompagnate da un numero EORI. Per arrivare preparati potete già richiederlo visitando il sito web del governo del vostro Paese.

Cos'è il codice EORI? Per scoprire cos'è il codice EORI, vi invitiamo a guardare questo video o a visitare la nostra pagina dedicata.

Non dimenticate di compilare la fattura commerciale

I documenti più importanti sono la fattura commerciale e la lettera di trasporto aereo. Se spedite beni regolamentati (alcol, dispositivi medici o elettronici, ad esempio), voi o il vostro destinatario potreste essere tenuti a fornire anche documenti aggiuntivi.

È estremamente probabile che tutte le spedizioni da o verso il Regno Unito dovranno essere accompagnate da una fattura commerciale. Si tratta di uno dei documenti più importanti in assoluto per spedire da e verso l'UE. Fornisce infatti informazioni fondamentali ai fini dello sdoganamento, come il codice HS, ad esempio, quindi fate attenzione a compilarla correttamente.

Come si compila una fattura commerciale? Per scoprirlo, guardate il nostro video o consultate la nostra pagina dedicata.

Dichiarate il valore corretto delle merci

Le autorità doganali si basano sulle informazioni contenute nella fattura commerciale per sdoganare la spedizione e determinare l'ammontare dei diritti doganali applicabili. Ecco perché è importante indicarlo con chiarezza e precisione sulla documentazione, appurando che sia corretto. Ora che il Regno Unito ha ufficialmente lasciato l'UE, con probabilità sarà richiesta anche la dichiarazione di questo valore in caso di spedizione.

Come si determina il valore corretto? Per scoprire come dichiarare il valore corretto delle vostre merci, guardate il nostro video o visitate la pagina dedicata.

Tenete conto dei diritti doganali

È inoltre probabile che, con l'uscita del Regno Unito dall'UE, le merci non usufruiranno più del regime di libera circolazione, ma diventeranno soggette a dazi e imposte, riscossi dalle autorità doganali. Per prepararvi, scoprite qual è la differenza tra dazi e imposte, a cosa si applicano e su cosa si basa il loro calcolo.

Come vengono calcolati i diritti doganali? Per scoprirlo vi invitiamo a guardare il video qui sotto o a visitare la nostra pagina dedicata.

Dubbi o domande? Consultate il nostro Toolkit dedicato alla Brexit o scriveteci via e-mail a brexitquestions@fedex.com o brexit@tnt.com per ricevere consulenza sulle vostre spedizioni.

Tuttavia, i requisiti e la documentazione possono variare da un corriere all'altro. Questo sito è stato ideato per fornire informazioni di carattere generale sulle spedizioni. In caso di dubbi sui requisiti applicabili alla vostra spedizione, rivolgetevi al vostro corriere. Prima di effettuare le vostre spedizioni, verificate le norme e i regolamenti dei Paesi di origine e destinazione. Queste informazioni sono generalmente riportate sui siti internet governativi.


Argomenti correlati