Guida alle spedizioni internazionali

Spedire all'estero può sembrare complesso, ma grazie alla nostra guida scoprirete il significato di alcuni termini chiave e i documenti necessari. 

Qual è la prima cosa da fare per importare merci?

Scoprite le leggi e le normative che regolamentano i beni di vostro interesse, nel vostro Paese e all'estero. Potrebbero infatti vigere restrizioni o divieti totali sull'ingresso o sull'uscita di alcuni prodotti in determinati Paesi e territori. Queste informazioni sono generalmente riportate sui siti internet governativi.

Chi sono i "denied parties"?

Sapere se il soggetto fisico o giuridico a cui è destinata la vostra spedizione gode di buona reputazione è un aspetto importante. Esistono infatti elenchi di "denied parties" (ovvero soggetti sottoposti a divieti o restrizioni) con cui non è possibile effettuare scambi commerciali: consultateli in modo da assicurarvi di poter spedire al vostro destinatario.

Un esempio di questo tipo di elenchi, negli Stati Uniti, è riportato sul sito web del Bureau of Industry and Security. In alternativa potete consultare il sito internet del governo del vostro Paese.

Cosa sono gli embarghi e le sanzioni?

Su alcuni Paesi potrebbero gravare embarghi o sanzioni; è quindi importante verificare se potete liberamente spedire i vostri prodotti verso un determinato territorio. Queste informazioni sono reperibili sul sito internet del governo del vostro Paese o di quello del destinatario.

Cosa sono i prodotti a duplice uso?

Alcuni beni rientrano nella categoria dei prodotti a duplice uso. Questo vuol dire che possono essere utilizzati per scopi sia civili che militari. I droni, ad esempio, si prestano a essere usati sia per girare filmati che per operazioni militari.

Se il vostro articolo è a duplice uso o richiede una licenza di esportazione, ciò va chiaramente evidenziato sulla fattura commerciale. Per maggiori informazioni sulle licenze di esportazione, rimandiamo al nostro video "Cos'è una licenza di esportazione?".

La fattura commerciale è obbligatoria?

Sì. Nel compilarla, assicuratevi che tutti i dati inseriti siano corretti e che i vostri prodotti siano descritti in modo chiaro e preciso.

Riportate anche gli Incoterms® applicabili, poiché stabiliscono con chiarezza quale soggetto è responsabile dei costi e dei rischi in ogni fase della spedizione.

Se spedite merci pericolose o prodotti soggetti a controlli e/o licenze, dichiaratelo sia sulla fattura commerciale che sulla lettera di vettura in modo da garantire un trasporto sicuro ed efficiente.

Infine, non dimenticate di indicare il codice del sistema armonizzato, ovvero il  codice HS. Questo codice consente di classificare i prodotti e spiega di che natura sono, di cosa sono fatti e per cosa verranno usati.


Argomenti correlati