Come spedire in Corea del Sud

Quando la destinazione è la Corea del Sud, è importante accertarsi dell'assoluta correttezza della documentazione, oltre al saper distinguere tra le diverse procedure di sdoganamento applicabili. Occorre inoltre tenere presente che, per lo sdoganamento delle spedizioni B2C, è obbligatorio possedere un codice di sdoganamento personale, il PCCC, o Personal Customs Clearance Code.

Strade giapponesi

1. Quali documenti occorrono per spedire in Corea del Sud?

Come sempre quando si tratta di spedizioni internazionali, anche le spedizioni dirette in Corea del Sud devono essere accompagnate da una Lettera di Vettura aerea e da una fattura commerciale. Inoltre, se il Paese da cui ha origine la spedizione ha sottoscritto accordi commerciali con il governo sudcoreano, potrebbe essere importante munirsi di una dichiarazione preferenziale per poter sfruttare eventuali agevolazioni sul regime di imposizione doganale. 

Fattura commerciale

Per evitare inutili ritardi in dogana, è sempre essenziale presentare una fattura commerciale completa, provvista di descrizione chiara del prodotto e informazioni esaustive sul mittente e il destinatario.

I dati riportati sulla fattura commerciale devono essere accurati e in lingua inglese. Includete inoltre una descrizione dettagliata del prodotto, e specificatene chiaramente il nome, il codice armonizzato e il paese di origine.

Nel caso di spedizioni B2C, la fattura commerciale deve riportare anche i dati di contatto del destinatario e il suo codice di sdoganamento personale, o PCCC.

Tutti gli importi devono essere indicati in dollari statunitensi. Vanno inoltre specificati il prezzo e la quantità di ogni singolo articolo. Sempre per evitare ritardi, abbiate cura di evitare errori ortografici o abbreviazioni scorrette. 

2. La dichiarazione di origine preferenziale

La dichiarazione di origine preferenziale, che attesta dove è stato prodotto un determinato articolo, è obbligatoria se si desidera beneficiare delle agevolazioni sui diritti doganali stabilite in base ad accordi di libero scambio. Può essere emessa dal produttore, dal fabbricante o dall'esportatore.

Includete il documento nella fattura commerciale o negli altri documenti di accompagnamento dei prodotti, senza dimenticare che, per essere valido, deve seguire un modello standard, come quello riportato di seguito.

L'esportatore dei prodotti indicati in questo documento (autorizzazione doganale n.……….①) dichiara che, se non diversamente ed esplicitamente indicato, l'origine preferenziale dei presenti prodotti è …………………….②. 

Luogo …………………………………………………………………………………..
Data....………………………………………………………………………………….
Firma dell' esportatore.
Nome della persona che firma la dichiarazione 


① Numero di Esportatore Autorizzato (per i prodotti di valore superiore a € 6.000) In caso contrario, questa sezione può essere omessa.
② Paese di origine

3. Cos'è il numero di Esportatore Autorizzato?

Il numero di Esportatore Autorizzato è un codice identificativo univoco assegnato agli esportatori dall'autorità competente del Paese di esportazione.

4. Cos'è il codice di sdoganamento personale (PCCC) e come si ottiene?

Il codice di sdoganamento personale è un numero a 12 cifre preceduto dal prefisso "P" ed emesso dalle autorità sudcoreane ai suoi cittadini. Consente ai privati di espletare le formalità doganali legate alle spedizioni di beni, sia in ingresso che in uscita dal Paese.

I cittadini sudcoreani possono ottenere il codice PCCC online o farne richiesta presso l'agenzia doganale. In alternativa al PCCC, gli stranieri residenti in Corea del Sud possono indicare semplicemente la propria nazionalità e il proprio numero di passaporto.

5. Gli accordi commerciali della Corea del Sud

Gli accordi commerciali (di libero scambio) consentono alle imprese e ai privati cittadini dei Paesi aderenti di godere di tariffe doganali agevolate o procedure semplificate. A febbraio 2020, la Corea del Sud detiene accordi commerciali con 25 Paesi e territori e ne sta negoziando diversi altri.

I tre accordi di libero scambio principali (Free Trade Agreement o FTA) della Corea del Sud sono con:

  • l'UE (FTA UE)
  • gli Stati Uniti (FTA KORUS)
  • la Cina (FTA KR-CN)

Informazioni più dettagliate sugli accordi di libero scambio sudcoreani e sulla documentazione necessaria per avvalersene sono consultabili sulla banca dati dell'International Trade Center.

6. Quali prodotti richiedono una certificazione apposita per la Corea del Sud?

Se dovete importare alimenti, cosmetici, farmaci, integratori alimentari, dispositivi medici o elettronici, i prodotti andranno certificati dalle autorità sudcoreane. In assenza di certificazione, infatti, potrebbero essere sequestrati in dogana e colpiti con sanzioni a carico dell' importatore.

Quando una spedizione entra nel territorio sudcoreano può espletare le formalità doganali secondo una procedura formale o informale, a seconda del valore dei beni e dei regolamenti applicabili.

7. Lo sdoganamento informale

Lo sdoganamento informale è una procedura doganale semplice e rapida che non richiede l'intervento di un broker né documentazione aggiuntiva. La Corea del Sud prevede due tipi di sdoganamento informale: A e B. Entrambe semplificate, le procedure differiscono nel fatto che la prima consente l'importazione dei beni in regime di esenzione dei diritti doganali.

8. Lo sdoganamento formale

Lo sdoganamento formale, o "modalità merci", viene adottato per i prodotti di valore elevato, spediti in lotto o soggetti a regolamentazioni. La procedura prevede il pagamento anticipato dei diritti doganali, documenti integrativi e la mediazione di un broker doganale a supervisione del processo. Il destinatario può scegliere se utilizzare un proprio broker o un broker proposto dal vettore.

9. Sdoganamento formale e informale in Corea del Sud

 

Sdoganamento informale A

Sdoganamento informale B

Sdoganamento formale

Spedizioni e valori ammessi

  • Campioni o articoli per uso personale, di valore non superiore a 150 $ (200 $ se spediti dagli Stati Uniti)
  • Le merci regolamentate non sono ammesse
  • Beni di valore superiore a 150 $ (200 $ se spediti dagli Stati Uniti) e inferiore a 2.000 $
  • Dispositivi elettronici, se la spedizione ne contiene più di uno per persona
  • Prodotti regolamentati
  • Beni di valore superiore a 2.000 $
  • Dispositivi elettronici, se la spedizione ne contiene più di uno per persona
  • Prodotti regolamentati

Tempistica degli espletamenti doganali

  • Generalmente in giornata
  • Mediamente uno o due giorni se la documentazione di spedizione è corretta e completa
  • Mediamente uno o due giorni se la documentazione di spedizione è corretta e completa

Documentazione richiesta

  • Lettera di trasporto aereo
  • Fattura commerciale
  • Un codice di sdoganamento personale (PCCC) o la data di nascita dell'importatore
  • Lettera di trasporto aereo
  • Fattura commerciale
  • Un codice di sdoganamento personale (PCCC) o il codice di residenza registrata (RRN)
  • La dichiarazione di origine preferenziale in caso di FTA
  • I prodotti regolamentati potrebbero richiedere altri documenti. Per maggiori dettagli, rimandiamo agli elenchi dei vari prodotti.
  • Lettera di trasporto aereo
  • Fattura commerciale
  • Un codice di sdoganamento personale (PCCC) o il codice di residenza registrata (RRN)
  • La dichiarazione di origine preferenziale in caso di FTA
  • I prodotti regolamentati potrebbero richiedere altri documenti. Per maggiori dettagli, rimandiamo agli elenchi dei vari prodotti.

10. Quali prodotti dovete spedire in Corea del Sud?

Se dovete spedire dei beni regolamentati, vi invitiamo a consultare l'elenco sottostante, per informazioni dettagliate sulla documentazione richiesta.

Quali sono i requisiti generali per la spedizione dei medicinali?

Se dovete importare dei prodotti farmaceutici, non dimenticate di riportare il nome generico della sostanza, quali malattie tratta e i dosaggi raccomandati. Se dovete spedire farmaci soggetti a prescrizione medica, includete anche una copia della prescrizione nella spedizione.

Le importazioni di medicinali e integratori per uso personale sono soggette ad alcune limitazioni, illustrate di seguito.

  • Medicinali: sei flaconi, oppure un dosaggio sufficiente per tre mesi
  • Viagra e altri farmaci a rischio di overdose: quantità ammesse come da prescrizione medica
  • Integratori: sei flaconi

Le spedizioni contenenti materie prime o prodotti destinati a indagini cliniche devono essere preventivamente approvate dalla Korea Pharmaceutical Traders Association (KPTA).

Allo stesso modo, i prodotti importati in base all' approvazione del Ministero della Sicurezza Alimentare e Farmaceutica coreano (MFDS) dovranno essere accompagnati da una sua licenza di importazione approvata.

Per gli articoli seguenti è sempre previsto lo sdoganamento formale:

  •  Medicinali ed integratori alimentari contenenti componenti estratti da specie presenti negli elenchi CITES
  • Gli articoli vietati dalla KPTA ma accompagnati da un certificato MFDS valido

Quali documenti deve fornire il mittente?

Quali documenti deve fornire il destinatario?

Se l'importazione riguarda dei medicinali, al mittente potrebbe essere richiesta la presentazione di una licenza approvata dalla KPTA. Gli integratori devono essere certificati dalla MFDS.

Quali sono i requisiti generali per la spedizione dei dispositivi medici?

L'importazione dei prodotti medicali è regolamentata dalla legge coreana sui servizi medici, la quale prevede che gli importatori siano in possesso di una licenza di importazione commerciale approvata dal Ministero della Sicurezza Alimentare e Farmaceutica sudcoreano (MFDS).

Esistono alcune esenzioni, ovvero quando l'importazione riguarda:

  • Dispositivi medici impiegati dall'utente all'estero e che deve continuare a utilizzare in Corea del Sud
  • Prodotti esteri soggetti a licenza che non possono essere sostituiti da un equivalente coreano né certificati nel Paese
  • Un dispositivo da utilizzare su pazienti in caso di emergenza, come stabilito dall'articolo 2 della legge sudcoreana in materia di servizi medici di urgenza.

Se un dispositivo deve essere introdotto in Corea del Sud per un periodo di tempo limitato, il mittente potrà richiedere l'esenzione dai diritti doganali in base al regime di  importazione temporanea. La richiesta può essere presentata alle autorità doganali sudcoreane.

Quali documenti deve fornire il mittente?

Quali documenti deve fornire il destinatario?

Quali sono i requisiti generali per la spedizione di apparecchi elettronici?

L'importazione dei dispositivi elettronici in Corea del Sud è soggetta a regolamentazioni stringenti.

È importante ricordare che soltanto gli acquisti effettuati a titolo individuale, nel massimo di un articolo a persona, possono beneficiare della procedura doganale informale. L'unica eccezione si ha nel caso in cui il destinatario sia titolare di una licenza di importazione.

Quali documenti deve fornire il mittente?

Quali documenti deve fornire il destinatario?

Se dovete importare dispositivi elettronici per uso personale, dovrete dichiararlo chiaramente e fornire il vostro codice di sdoganamento personale (PCCC).

Se si è in possesso di una licenza di importazione oppure si importa più di un articolo a titolo individuale occorrerà: 

  • fornire un certificato di sicurezza dei dispositivi elettrici
  • richiedere l'approvazione dell'importazione attraverso il sistema doganale elettronico UNI-PASS

Quali documenti deve fornire il mittente?

Quali documenti deve fornire il destinatario?

  • Scheda dati di sicurezza (SDS)
  • Attestazione di sostanza chimica

Se un prodotto è classificabile come sostanza chimica pericolosa, non dimenticate di includere un permesso di importazione rilasciato dall'agenzia per l'ambiente locale.

Tuttavia, i requisiti e la documentazione possono variare da un corriere all'altro. Questo sito è stato ideato per fornire informazioni di carattere generale sulle spedizioni. In caso di dubbi sui requisiti applicabili alla vostra spedizione, rivolgetevi al vostro corriere. Prima di effettuare le vostre spedizioni, verificate le norme e i regolamenti dei Paesi di origine e destinazione. Queste informazioni sono generalmente riportate sui siti internet governativi.


Argomenti correlati